Trump elogia Conte e Salvini ha una crisi di gelosia: "Sono in silenzio stampa..."

Capitan Nutella scimmiotta il miliardario della Casa Bianca in tutto e per tutto. Eppure dalla Casa Bianca sono arrivate solo umiliazioni

Trump e Salvini

Trump e Salvini

globalist 27 agosto 2019

E pensare che, politicamente, sembra un soldatino di Bannon, l’estremista di destra che con i suoi metodi discutibili è stato uno degli artefici della campagna elettorale che ha portato Trump alla Casa Bianca.
Ma il ministro estremista di destra italiano, abilissimo nello scimmiottare The Donald, tuttavia è stato continuamente snobbato.
Prima il miliardario disse di non sapere chi fosse Salvini che (da bravo vassallo) era andato a omaggiarlo negli Usa.
Poi, in tempi più recenti, durante la visita negli Usa da ministro la porta del presidente Usa non si è aperta per lui.
E adesso, mentre lui strepita e parla della qualunque, da Trump arriva perfino l’elogio di Conte. Si augura che resti premier, nonostante non ci sia più la Lega e (forse) il Pd.
 E lui, Capitan Nutella, c’è rimasto male. In pubblico è rimasto muto, lui che esterna a ritmo continuo. In privato chissà, magari un travaso di bile.
"Sono in silenzio stampa perché sono con la bimba”. Così ha evitato di commentare il sigillo trumpiano.


E, come contrappasso, l’ex alleato e ora rivale Conte si è pavoneggiato facendo filtrare una velina affidata alle soliti ‘fonti’ ossia al suo ufficio stampa: “Il tweet del Presidente americano Donald Trump è stato accolto con apprezzamento dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. A rendere particolarmente orgoglioso il Premier è stato il riconoscimento di agire sempre con la massima determinazione nel difendere l’interesse nazionale, pur essendo leale nei confronti di tutti i partner. Riconoscimento ribadito solo qualche giorno fa anche dal Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk”.
Peccato solo che ricevere i complimenti di un razzista sessista non sia il massimo. Tanto più che l’elogio trumpiano è arrivato mentre lo stesso presidente plaudiva al presidente fascista e sessista Bolsonaro.