Johnson, attacco sovranista a Cobyn: "Si vuole arrendere alla Ue"

Il premier inglese abbandonato dai suoi attacca: "volete costringere il Regno Unito ad alzare bandiera bianca, non lo posso accettare"

Boris Johnson

Boris Johnson

globalist 3 settembre 2019
Il premier inglese Boris Johnson, nel corso di un acceso dibattito alla Camera dei Comuni, ha accusato le opposizioni e i deputati conservatori 'ribelli' di voler constringere il regno Unito ad 'alzare bandiera bianca' e 'implorare' la Ue per un rinvio: "la legge che punta al No Deal è la legge della resa di Jeremy Corbyn" ha detto Johnson. 
"Non accetterò mai una cosa del genere", ha continuato Johnson, che con la defezione del conservatore Philip Lee a favore dei Liberal democratici, ha perso la sua maggioranza numerica ai Comuni, sostenuta finora dai voti del Tories e da quelli del nordirlandese Democratic Unionist Party.
Stasera è attesa per il governo una bruciante sconfitta, nel voto sulla mozione per far avanzare la proposta di legge presentata a nome delle opposizioni dal laburista Hilary Benn. Il 'Benn Bill', sostenuto anche dai voti dei conservatori contrari al 'no deal', punta ad impedire l'uscita dalla Ue denza un accordo, costringendo il governo a chiedere una nuova proroga della Brexit fino al 31 gennaio 2020.