Bercow attacca Johnson: "Se non rispetta il voto del Parlamento si comporta come un rapinatore"

Lo speaker uscente della Camera: "Se Johnson decide di violare la legge, io concederò al Parlamento libertà creativa per impedirglielo. L'unica Brexit possibile è quella approvata dalla Camera"

John Bercow

John Bercow

globalist 13 settembre 2019
Lo Speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, che nelle ultime settimane è diventato un personaggio molto popolare per il suo stile diretto e che in Inghilterra è considerato un'autorità nel campo dei diritti e della giustizia, ha annunciato le sue dimissioni qualche giorno fa, in netto contrasto con il suo partito di appartenenza, i Conservatori, e in particolare con il premier Boris Johnson. Bercow, che è ancora speaker ufficiale, ha comunque intenzione di fare tutto ciò che è in suo potere per impedire a Boris Johnson di "violare la legge". 
Bercow infatti usa parole chiare: se Johnson si rifiutasse di chiedere un rinvio della Brexit sarebbe da paragonare a un "rapinatore di banche": "È sorprendente che qualcuno abbia pensato alla possibilità di non obbedire alla legge" ha detto Bercow, riferendosi all'emendamento approvato qualche giorno fa che impone al Parlamento di chiedere un rinvio rispetto alla data prevista per la Brexit, ossia il 31 ottobre. Rinvio che Johnson non ha alcuna intenzione di chiedere, dichiarando che preferirebbe essere "morto in un pozzo". Tant'è che il Parlamento inglese in questo momento rimane chiuso, anche se riaprirà giusto in tempo perché la richiesta sia inviata. E sarà in quei giorni di fine otobre che si deciderà il futuro dell'Inghilterra: il Ministro degli Esteri Dominic Raab ha infatti dichiarato che, nonostante il governo non violerà la legge, la "testerà" spingendola fino al suo limite. Parole che per Bercow sono da condannare: "Non si dovrebbe rifiutare di chiedere un'estensione all'articolo 50 parlando di una nobile uscita dall'Ue il prima possibile, così come un rapinatore non dovrebbe rapinare una banca pur dicendo che i soldi rubati andranno in beneficenza. Rifiutarsi di rispettare la legge sarebbe l'esempio più terribile, ma se accadrà sarò pronto a consentire al Parlamento una certa creatività procedurale perché non accada. L'unica forma di Brexit che avremo, se ce ne sarà una, sarà quella approvata dalla Camera dei Comuni".