"Dobbiamo essere soddisfatti di 50 morti": dopo la gaffe si dimetta la sindaca di Durazzo

In un'intervista alla tv albanese Top Channel Valbona Sako si è lasciata andare a considerazioni che hanno provocato rabbia. In realtà voleva dire che il bilancio avrebbe potuto essere più pesante.

La sindaca di Durazzo Valbona Sako

La sindaca di Durazzo Valbona Sako

globalist 1 dicembre 2019
Parole che sono andate oltre le sue intenzioni: si è dimessa dopo una gaffe in tv la sindaca di Durazzo, la città più colpita dal potente terremoto registratosi in Albania la notte del 26 novembre.
In un'intervista all'emittente tv albanese Top Channel, la sindaca Valbona Sako, in carica da appena 4 mesi, aveva detto tra l'altro che «dobbiamo essere soddisfatti anche di 50 vittime» provocate dal sisma, probabilmente intendendo che il bilancio dei morti sarebbe potuto essere ancora più grave. Parole che l'hanno subito messa nel mirino delle critiche, nonostante abbia poi tentato di spiegare che la sua affermazione era stata male interpretata.
«Ferita dalla grande e negativa reazione rispetto a un commento rilasciato in una situazione di uno stress che va oltre le mie forze, ho rassegnato la dimissioni dall'incarico», ha fatto sapere oggi Sako tramite un suo post su Facebook.
Sono 51 le vittime del terremoto, di cui 26 solo a Durazzo dove sono crollati due alberghi sulla spiaggia, due palazzi ed una villetta di tre piani.