Lapidata a 12 anni per adulterio: in Pakistan indaga la polizia

La ragazzina, Gule Sama, viveva in un villaggio nel distretto di Dadu. Secondo le pratiche tribali, il consiglio può condannare una donna alla lapidazione per condotta illecita

Lapidazione

Lapidazione

globalist 1 dicembre 2019
La polizia pakistana sta indagando su un probabile omicidio di una bambina di 12 anni, che i genitori dicono sia morta in un 'incidente' ma c'è il forte sospetto che sia stata invece lapidata a morte per 'adulterio'. 
La ragazzina si chiamava Gule Sama e viveva con i genitori in un remoto villaggio rurale nel distretto di Dadu, nella provincia meridionale di Sindh. Molte persone del villaggio starebbero confermando alla polizia che Gule è stata effettivamente uccisa.
È stata disposta la riesumazione del corpo per accertare le cause della morte con un'autopsia. Secondo le pratiche tribali nel Sindh e nel Baluchistan, una donna viene dichiarata "Kari" (adultera) dal consiglio (Jirga) del villaggio se ha avuto delle relazioni "illecite".