Donna uccisa a Ostuni: "Ho sparato per errore", fermato nella notte il marito

I fatti si sono verificati in una villa di contrada Malandrino, alla periferia della Città bianca, attorno alle 23.

Femminicidio

Femminicidio

globalist 10 gennaio 2020
Una donna di 46 anni è stata uccisa in casa a Ostuni da un colpo di pistola che l'ha prima ferita a un braccio e poi colpita al torace. Il marito, Francesco Semerano, imprenditore di 56 anni, è in stato di fermo: ha raccontato alla Polizia di averle sparato per errore mentre puliva l'arma.
I fatti si sono verificati in una villa di contrada Malandrino, alla periferia della Città bianca, attorno alle 23. Sul posto sono intervenuti la Squadra mobile della questura di Brindisi e i poliziotti del commissariato. Il medico legale incaricato dalla procura ha eseguito una prima ispezione esterna. I rilievi sono in corso. I poliziotti stanno compiendo verifiche sul racconto fatto dall'uomo.
La  vittima si chiamava Giovanna De Pasquale. L'uomo, Francesco Semeraro è accusato di omicidio colposo. Agli investigatori ha raccontato di aver ferito la moglie mentre maneggiava la pistola per pulirla, ma la dinamica dell'accaduto è ancora da accertare.
Sul corpo della vittima il pm di turno Giovanni Marino ha disposto l'autopsia. L'arma è risultata legalmente detenuta, a differenza di quanto ipotizzato in un primo momento dalla polizia. Nella villa c'erano altre persone al momento dell'accaduto. Attorno all'abitazione ci sono stati momenti di nervosismo quando sono arrivati i giornalisti, uno dei quali è stato aggredito.