Trump: arrestare Julian Assange è una nostra priorità

Il dipartimento di giustizia sta preparando gli atti di accusa contro il fondatore di Wikileaks

Trump e Assange

Trump e Assange

globalist 21 aprile 2017

Per l'amministrazione Trump l'arresto del fondatore di Wikileaks, Julian Assange, è una "priorità". 


Lo ha detto il suo segretario alla giustizia, Jeff Sessions, il cui dipartimento sta preparando gli atti di accusa contro Assange ed altri membri dell' organizzazione che ha divulgato migliaia di documenti diplomatici e militari americani top secret.


"Cercheremo di mettere in prigione certe persone", ha detto Sessions in una conferenza stampa. "E' una vicenda - ha osservato Sessions - che supera tutto quello che conosco. Abbiamo dei professionisti che sono nella sicurezza Usa da anni e che sono scioccati dal numero di fughe di documenti, di cui alcune molto gravi". Il segretario alla Giustizia Usa ha inoltre reso noto che gli Usa hanno intensificato i loro sforzi per impedire altre fughe.


Secondo la Cnn, le autorità statunitensi avrebbero preparato le accuse per cercare di arrestare Assange. Gli investigatori lavorano al caso almeno dal 2010, quando il sito divenne famoso per la pubblicazione dei file ottenuti dall'ex analista dell'intelligence dell'esercito, Chelsea Manning, sugli abusi commessi dagli statunitensi in Iraq; secondo le fonti, le autorità avrebbero trovato il modo per incriminare Assange, aggirando il Primo emendamento, che garantisce la libertà di parola e di stampa. La scorsa settimana, il direttore della Cia, Mike Pompeo, ha detto che WikiLeaks è andata ben oltre le attività difese dal Primo emendamento, perché avrebbe "guidato Manning per ottenere specifiche informazioni segrete, e si è focalizzata in modo schiacciante sugli Stati Uniti". "È ora di definire WikiLeaks per quello che è: un servizio d'intelligence ostile e non statale, spesso sostenuto da attori statali come la Russia". Pompeo ha poi aggiunto: "Assange non ha le libertà garantite dal Primo emendamento. Non è un cittadino statunitense".


Assange si trova nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove si è rintanato per evitare l'arresto, visto che in Svezia è accusato di stupro. Il suo avvocato ha detto di non aver ricevuto alcuna informazione dalle autorità statunitensi relativa alle accuse che potrebbero essergli contestate. Finché Assange resterà all'interno dell'ambasciata, le autorità statunitensi comunque non potranno fare nulla. Il socialista Lenin Moreno, che ha recentemente vinto le elezioni in Ecuador, ha promesso di continuare a proteggere Assange.
Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in campagna elettorale aveva detto: "Io amo WikiLeaks". Lo aveva fatto perché il sito aveva pubblicato delle e-mail interne al partito democratico, che avevano messo in difficoltà la candidata alle presidenziali, Hillary Clinton. Nel 2010, però, Trump aveva addirittura suggerito "la pena di morte" per le azioni compiute da WikiLeaks, in linea con l'opinione comune tra i repubblicani.